• News
  • by generasalute
  • 7 Dicembre 2020
  • 46

Jama oncology, preservare la fertilità aumenta le chance di avere un bimbo dopo il tumore

La preservazione della fertilità nelle pazienti oncologiche, argomento di un nuovo studio pubblicato su Jama Oncology’ dal prestigioso Karolinska Institute di Stoccolma, è davvero efficace nel consentire a queste donne di raggiungere l’obiettivo di diventare madri, anche dopo una grave malattia come il cancro al seno.
Il lavoro, infatti, ha confermato che le pazienti con carcinoma mammario che ricorrono a questa tecnica, congelando gli ovociti prima dei trattamenti farmacologici necessari a trattare la neoplasia, hanno più probabilità di raggiungere il successo con la procreazione medicalmente assistita, dando quindi alla luce un bimbo, senza alcun rischio di mortalità aggiuntivo.
I risultati dello studio svedese condotto su 425 pazienti oncologiche sottoposte a trattamenti per la preservazione della fertilità in Svezia tra il 1994 e il 2017, e 850 donne sempre con carcinoma mammario, ma che non hanno congelato gli ovociti, indicano che, sebbene una gravidanza con esito positivo sia possibile in entrambi i casi, optare per la preservazione della fertilità è associato a un tasso di bambini nati di oltre 2 volte più alto, senza alcun effetto negativo a livello di sopravvivenza, in un follow-up medio di 5,2 anni.
In totale, nel gruppo dello studio che si è sottoposto a preservazione della fertilità, 97 donne (il 22,8%) hanno avuto almeno un figlio dopo un cancro al seno, rispetto a 74 donne (l’8,7%) nella coorte che non ha ricevuto il trattamento. Inoltre, le donne del gruppo che ha congelato gli ovociti avevano maggiori probabilità di avere più di un figlio dopo il cancro (37,3%) rispetto alla controparte (17,7%).

 

Scarica il libricino informativo sulla Preservazione della fertilità: 20 domande/risposte per dare a tante donne la possibilità di “conoscere per scegliere” e preservare il loro sogno di maternità. Clicca sulla foto.